Facebook falla di sicurezza
SICUREZZA INFORMATICA

Attacco hacker Facebook: come capire se il tuo account è stato colpito

La falla di sicurezza che ha coinvolto Facebook ha compromesso i dati di circa 90 milioni di utenti in tutto il mondo, ecco come scoprire se siamo tra questi

4 Ottobre 2018 - Di recente Facebook è stato scosso dall’ennesimo caso di violazione dei dati dei propri utenti. Per il famoso social media si tratta del secondo caso di grande rilevanza degli ultimi tempi: prima di questo attacco hacker che ha colpito i dati di oltre 90 milioni di utenti iscritti c’era stato il caso Cambridge Analytica.

Insomma, all’interno del social media più famoso al mondo la sicurezza e la privacy degli utenti sembra essere costantemente a rischio. per questo motivo la maggior parte delle persone che hanno un profilo sul Facebook stanno cercando in tutti i modi di proteggere al meglio la propria sicurezza informatica sul social. Per riuscirci dopo quest’ennesima violazione il primo passo è quello di capire se il nostro account è stato compromesso. In pratica dobbiamo scoprire se siamo tra i 90 milioni di utenti che hanno subito un furto di informazioni personali da parte degli hacker che hanno preso di mira Facebook. Come riuscirci? Non è complicato, basta essere stati costretti negli ultimi giorni a un nuovo login sul social media per essere tra le persone interessate dall’attacco dei cyber criminali.

Come capire se i nostri dati Facebook son a rischio

Ancora non è molto chiaro come ha intenzione di muoversi per il futuro Facebook per aumentare la sicurezza dei propri utenti. Intanto però gli esperti di sicurezza informatica legati al social media fanno sapere che se in questi giorni al primo accesso all’app o al sito web di Facebook ci è stato richiesto di inserire nome utente è password è perché il nostro profilo è stato compromesso durante l’attacco. In poche parole se in questi giorni, quando ci siamo collegati a Facebook dai nostri dispositivi, invece che accedere in automatico all’home page del social network abbiamo dovuto reinserire le nostre credenziali significa che siamo tra i 90 milioni di utenti compromessi dalla falla di sicurezza. Non bisogna comunque disperare in questo caso. Lo stesso Mark Zuckerberg ha dichiarato di aver richiesto egli stesso ai suoi sviluppatori di riattivare i token di accesso dei 90 milioni di account colpiti nei giorni precedenti. I token sono in pratica quelle impostazioni salavte in automatico che registrano il nostro login sui dispositivi in maniera tale che ogni volta che entriamo sul nostro profilo Facebook non dobbiamo rimettere username o password. Non sono stati dunque gli hacker a farci rifare login per rubare le nostre password ma è stata una precauzione presa da Facebook.

Facebook che ha dichiarato di essere a lavoro per individuare gli hacker che hanno sfruttato la falla di sicurezza del social media per arrivare ai dati di 90 milioni di profili in tutto il mondo. Molto probabilmente nei prossimi giorni Zuckerberg e i suoi sviluppatori rilasceranno degli aggiornamenti e delle patch di sicurezza e indicheranno agli account colpiti dall’attacco hacker le eventuali operazioni da fare per rimettere in sicurezza il profilo.

Contenuti sponsorizzati