infastidito Fonte foto: Shutterstock

Come evitare di essere disturbati sui social network

Facebook, Twitter, Instagram e tutti gli altri social sono delle piattaforme divertenti ma alle volte degli utenti possono infastidirci. Ecco come difenderci

Internet, e in particolare i social network, hanno ridotto notevolmente le distanze tra i vari Paesi del mondo. Tenersi in contatto con amici e parenti, anche lontani, non è mai stato così semplice. I vari social, però, sono anche un canale dove possiamo essere disturbati e cercati da persone che non conosciamo. Vediamo come evitarlo.

I social oltre a piattaforme divertenti sono anche dei luoghi digitali dove si possono nascondere dei pericoli. Se lasciamo troppo spazio agli altri potremmo essere contatti da persone malintenzionate. Fortunatamente piattaforme come Instagram, Facebook e Twitter hanno delle pagine specifiche dove scrivere una relazione e segnalare gli utenti che ci infastidiscono. Il primo passo da compiere è quello di limitare la possibilità a chi non ci segue di diventare un nostro follower senza il nostro consenso.

La gestione dei contatti

La prima cosa da affrontare è la gestione dei contatti. Su Facebook avviene di default dato che prima di accettare una nuova amicizia riceviamo una notifica e siamo noi a decidere se approvare la richiesta o meno. Su piattaforme come Instagram, invece, è consigliabile impostare il profilo privato in modo da evitare che dei molestatori ci seguano e commentino le nostre foto oppure ci scrivano dei messaggi spiacevoli. Su Facebook, invece, chi non ci conosce potrà scriverci su Messenger. Le conversazioni dei non amici si trovano nella cartella Altri Messaggi. Certo non è invasivo ma se vogliamo evitare che delle persone poco raccomandabili ci provochino possiamo disattivare questa cartella direttamente dalle impostazioni di Facebook Messenger. Oppure in maniera più veloce basta cliccare sul profilo della persona indesiderata e decidere di bloccarla.

Come difendersi dagli scocciatori su Twitter

La gestione dei messaggi su Twitter è un po’ diversa. Per cercare una persona bisogna seguirsi a vicenda. A meno che non si è deciso di impostare di essere raggiungibili da tutti. Anche sullapiattaforma di microblogging possiamo bloccare gli scocciatori direttamente cliccando sul loro profilo. E possiamo decidere di silenziarli anche nella nostra timeline. Loro continueranno a insultarci o provocarci ma né noi né gli altri utenti vedremo queste cattiverie gratuite. Una funzione simile è presente anche su Instagram. Dove è possibile bloccare i commenti sotto alcune foto oppure decidere di bloccare direttamente la persona che ci sta infastidendo. Quando blocchiamo una persona non potrà inviarci nemmeno un messaggio diretto. Inoltre è consigliabile impostare le Storie visibili solo agli amici, per evitare che degli sconosciuti ci scrivano o facciano apprezzamenti poco carini.

Attenzione a ciò che si condivide

È molto importante ricordarsi sempre che i social sono delle piattaforme pericolose e che possono ledere la nostra sicurezza e la nostra privacy. Ovviamente solo se usate nel modo sbagliato. Per questo evitiamo di condividere informazioni troppo personali. E anche la posizione. È preferibile non segnalare il giusto indirizzo di casa o lavoro e indicare a tutti in quale parco si va a correre la sera. Infine, se non vogliamo essere trovati da alcuni colleghi o da nuovi amici in Rete, piattaforme come Facebook e Twitter permettono di disabilitare la ricerca tramite e-mail e numero di telefono.

Contenuti sponsorizzati