face-id-iphone Fonte foto: Apple / YouTube
APPLE

Face ID, Apple risponde a tutte le domande su sicurezza e privacy

L’azienda californiana spiega quali sono i dati raccolti dal sistema di riconoscimento facciale e le condizioni che impediscono il funzionamento del Face ID

2 Ottobre 2017 - Il Face ID, il riconoscimento facciale e caratteristica principale dell’iPhone X, ha suscitato fin da subito interesse e alimentato anche dubbi e perplessità: in molti, infatti, si sono fatti delle domande soprattutto riguardo al livello di privacy e di sicurezza garantito dal sistema. Domande a cui Apple ha risposto in un documento: “Face ID Security”.

Con il Face ID, come ormai è noto, l’azienda californiana ha introdotto una tecnologia alternativa al tasto Home. Il riconoscimento biometrico permette agli utenti di sbloccare il dispositivo utilizzando la propria faccia. Appena presentato, però, qualcosa è andato storto: il Face ID non è sembrato così infallibile. Probabilmente solo un intoppo, ma tanto è bastato per creare più di una preoccupazione sul suo funzionamento, in particolare sull’efficacia del sistema sulla protezione degli accessi non autorizzati al device. E non solo. Qualcuno si è mostrato titubante anche riguardo all’utilizzo delle informazioni raccolte dalla tecnologia biometrica.

Le risposte di Apple

Apple ha così risposto a tutte questa domande, fornendo dei dettagli sul Face ID. Innanzitutto, sul fronte della privacy, l’azienda californiana ha specificato che i dati acquisiti dal sistema di riconoscimento facciale restano sull’iPhone X e non sono conservati né su iCloud né tanto meno su altri server.

L’azienda chiarisce anche qual è la natura delle informazioni registrate dal Face ID: si tratta di immagini infrarosso ottenute dal sistema al momento della registrazione e di rappresentazioni matematiche del viso dell’utente, ottenute sempre in fase di registrazione oppure acquisite successivamente con il solo scopo di migliorare il riconoscimento facciale. Inoltre, il Face ID ritaglia solo il viso, evitando di raccogliere dati sullo sfondo.

Apple spiega anche quali sono le condizioni in cui il Face ID non funziona. Il sistema non sblocca l’iPhone se il device è stato appena acceso o riavviato: in questi casi sarà necessario usare prima la password. Il Face ID non funziona se il cellulare non è stato sbloccato da almeno 48 ore oppure se dall’ultima volta in cui il device è stato bloccato con una password sono passati sei giorni e mezzo. Così come è necessario utilizzare la password se il Face ID non è stato adoperato in 4 ore.

Il Face ID non può essere utilizzato dopo 5 tentativi andati a vuoto per riconoscere il volto dell’utente. Non entra in funzione, inoltre, se il cellulare ha ricevuto una richiesta di blocco in remoto oppure se si sta spegnendo. Infine, il riconoscimento non risponde quando viene attivato il comando di emergenza SOS.

Contenuti sponsorizzati