storie instagram Fonte foto: Shutterstock

Instagram, stop alle notifiche per screenshot delle storie

Dopo averle introdotte in pompa magna, Instagram elimina le notifiche nel caso in cui un utente faccia uno screenshot di una storia

15 Giugno 2018 - Qualcuno starà gridando alla vittoria. Di certo per gli “screenshottatori” seriali è una buona notizia, se non ottima. I portavoce della società, infatti, hanno confermato al magazine online BuzzFeed che non saranno più inviate notifiche nel caso in cui un utente effettui lo screenshot di una storia di un suo contatto.

Insomma, niente più timore di sbirciare nella vita degli altri e niente più strani metodi per fare screenshot delle Storie Instagram senza essere scoperti. Secondo voci di corridoio, la decisione dei vertici e degli sviluppatori della piattaforma social arriva in seguito a molte voci di critica e protesta che si erano levate nei confronti della funzionalità, considerata una forte limitazione al diritto di privacy degli utenti. Sia come sia, ora si potrà tornare a fare lo screenshot delle Storie e scambiarle con i propri contatti via i messaggi Direct di Instagram o altre piattaforme di messaggistica istantanea.

Notifiche Instagram, stop ai test sugli screenshot

La decisione dell’azienda ora di proprietà di Facebook conferma, dunque, quanto sospettato da moltissimi utenti che, ormai da tempo, non “inviavano” notifiche nel momento in cui andavano a “interagire” con una Storia di uno dei loro contatti. Evidentemente, la funzionalità (seppur annunciata in pompa magna dalla stessa Instagram) era solo in versione di test o, prospettiva forse più veritiera, il feedback delle centinaia di milioni di utenti Instagram non è stato così positivo come qualcuno ai vertici del social network fotografico per eccellenza aveva inizialmente immaginato.

Al momento, comunque, non è ancora dato sapere se Instagram vorrà introdurre altre forme di limitazione agli screenshot o, al contrario, lascerà libera facoltà di “fotografare lo schermo” esattamente come sta accadendo ora.

Contenuti sponsorizzati