iphone-rubato Fonte foto: Shutterstock
APPLE

IPhone rubato o perso, come gli hacker riescono a rivenderli

Grazie a una campagna phishing i ladri più esperti raggirano la vittima di un furto per eliminare ogni collegamento con il suo iPhone e poterlo rivendere

15 Novembre 2017 - Gli smartphone sono uno dei primi obiettivi per i ladri di tutto il mondo. Nonostante gli sforzi degli utenti e dei produttori, il mercato nero per la compra-vendita di questi device è florido. Gli iPhone, essendo tra i telefoni più cari e ricercati, sono tra i dispositivi maggiormente presi di mira per i furti.

Gli smartphone di Cupertino però sono protetti da diversi servizi per impedire a un ladro di rivendere o usare un device rubato. Nonostante questo esistono alcune tecniche che i malintenzionati utilizzano per riuscire comunque a rivendere illegalmente il nostro iPhone. Per prima cosa va detto che non tutti gli utenti usano il servizio Trova il Mio iPhone. Si tratta di una funzione che ci consente di rintracciare lo smartphone a distanza e anche di farlo squillare o bloccarlo da remoto. Se sul nostro melafonino non abbiamo mai attivato questo servizio il consiglio è quello di farlo, renderemo così la vita molto più difficile ai ladri.

Come agiscono i ladri

I ladri più esperti usano una serie di tecniche anche per aggirare il servizio Trova il Mio iPhone. Per prima cosa, una volta rubato l’iPhone, inviano un messaggio sull’indirizzo e-mail della vittima dove la informano che il telefono è stato ritrovato e che le verrà riconsegnato. Nel messaggio c’è un link, che viene giustificato come il collegamento necessario per vedere l’attuale posizione del nostro cellulare e così andare a recuperalo. Purtroppo però il link ci collegherà a un sito di phishing dove ogni informazione che inseriremo verrà registrata dal ladro che in questo modo conoscerà il nostro codice ID e modificherà ogni impostazione da noi settata. A quel punto il malintenzionato ripulirà il device dai nostri dati e sarà pronto per rivenderlo. Questo genere di truffe avviene soprattutto in determinati paesi: Kosovo, Filippine, India e in tutto il Nord Africa.

Cosa fare se acquistiamo un iPhone di seconda mano

Le vendite fraudolente di iPhone sono un fenomeno diffuso, per questo motivo quando compriamo un device di seconda mano dobbiamo fare una serie di verifiche. La cosa più importante è controllare che il numero seriale dell’iPhone non rientri nella blacklist dei telefoni rubati. Esistono diversi siti per verificare l’attendibilità o meno di un codice IMEI, il numero identificativo di ogni iPhone.

Contenuti sponsorizzati