iphone-x-truffa Fonte foto: Shutterstock
SICUREZZA INFORMATICA

IPhone X gratis, occhio alle truffe online

Sui social, tra cui Facebook e Instagram, sta circolando una nuova truffa, lo scopo è convincere gli utenti a inserire i propri dati per ricevere un iPhone X

12 Ottobre 2017 - Su Internet è stata scoperta una nuova truffa da parte dei ricercatori per la sicurezza informatica di ZeroFox . I malintenzionati questa volta contattano l’utente con un falso messaggio di vincita di un iPhone X. Ovviamente non è vero, l’escamotage serve solo agli hacker per raccogliere i dati delle vittime.

Il tentativo di truffa sta girando soprattutto sui social network, in particolare Facebook, YouTube, Instagram, e Google Plus. Si tratta di un annuncio che richiama l’attenzione dell’utente mentre naviga sul social, se la vittima clicca sul collegamento ipertestuale presente nella pubblicità viene reindirizzato al sito maligno dove deve inserire i propri dati per ricevere un iPhone X. Che ovviamente non arriverà mai. Lo scopo dei cyber criminali non è solo quello di ricevere delle informazioni dall’utente ma anche diffondere dei virus. Su 532 siti web contenenti falsi buoni per smartphone analizzati da ZeroFox, infatti, 74 contenevano anche malware.

Come difendersi

Per fortuna difendersi da queste truffe che circolano sui social media non è difficile. Per prima cosa ricordiamoci che in Rete niente ci verrà mai regalato. Tanto meno un iPhone X. Ovvero uno smartphone di ultima generazione che ancora non esce sul mercato e dal valore superiore ai mille euro. In secondo luogo controlliamo bene il testo di questi finti messaggi di vincita. Spesso contengono errori grammaticali o frasi ad effetto per attirarci nella trappola. Utilizziamo poi uno strumento per verificare l’affidabilità o meno di allegati e link presenti nel messaggio. In questo modo eviteremo di scaricare un malware sul nostro dispositivo. Possiamo usare infine delle applicazioni e dei siti per verificare persino l’URL del sito che promette un iPhone gratis.

Contenuti sponsorizzati