iphone-x-prezzo Fonte foto: Apple
APPLE

Prezzi iPhone X, l'Italia è il secondo Paese più caro d'Europa

L'Italia, dopo l'Ungheria, è il Paese europeo dove il nuovo iPhone X costerà di più. Ma la situazione non è migliore né in Germania né nel Regno Unito

14 Settembre 2017 - Il nuovo iPhone X ha entusiasmato gli appassionati Apple e più in generale gli amanti di smartphone e nuove tecnologie. La brutta notizia però è chee il nuovo iPhone nel nostro Paese sarà venduto a caro prezzo. L’Italia è infatti uno dei mercati dove iPhone X costa di più.

L’Italia è il secondo Paese in Europa dove l’iPhone X costerà di più. Per i nostri consumatori Apple ha infatti deciso di vendere la versione da 64GB a 1.189 euro mentre quella da 256GB a 1.359 euro. In tutto il Vecchio Continente l’iPhone X costa di più solo in Ungheria. La versione con storage ridotto a Budapest vi costerà circa 1.240 euro mentre il modello da 256GB sfiora i 1.500 euro. Non va meglio nel Regno Unito. Gli stessi modelli del nuovo smartphone di Cupertino per i sudditi di Sua Maestà costano, al netto del cambio di valuta, rispettivamente 1.119 euro e 1.290 euro. Situazione simile a quella italiana in Germania. A Berlino l’iPhone X da 64GB costerà circa 1.150 euro mentre quello da 256GB avrà un prezzo attorno ai 1.300 euro.

Differenze di prezzo iPhone X

Non è una novità che un iPhone di ultima generazione costi di più nel resto del mondo rispetto agli Stati Uniti. Ma si tratta di una differenza molto marcata e mai registrata in passato. Basti pensare che nel territorio statunitense l’iPhone X da 64GB costa 999 dollari. Al cambio attuale poco meno di 840 euro. Mercati simili a quello statunitense per iPhone X sono Singapore e l’Australia. Nel Paese asiatico il modello da 256GB viene circa 1.180 euro. Praticamente quanto la versione da 64GB in Italia. Mentre nel continente australiano la stessa versione con storage più piccolo supera di poco i mille euro. Insomma per gli appassionati italiani che vogliono comprare un iPhone X ma che vorrebbero anche risparmiare qualcosa non resta che rivolgersi al mercato statunitense o aspettare eventuali, ma poco probabili, ribassi nei prossimi mesi. Apple infatti fino all’uscita di un nuovo smartphone difficilmente ritocca di molto il prezzo di lancio di un iPhone.

Contenuti sponsorizzati