tweet-280 Fonte foto: ArthurStock / Shutterstock.com

Twitter espande il limite a 280 caratteri per alcuni utenti

Annunciando l’avvio di un test, il microblogging saluta forse in maniera definitiva la soglia dei 140, raddoppiando il numero dei caratteri disponibili

Twitter finalmente raddoppia, nel vero senso della parola. Il famoso sito di microblogging espande il limite dei caratteri, che da 140 salgono a 280, salutando forse per sempre la caratteristica che lo aveva reso unico. Per adesso l’aggiornamento è solo un test, ma è molto probabile che alla fine sarà definitivo.

Dopo anni di battaglie, Twitter sembra aver ceduto a quella parte di utenti che da sempre invoca un allargamento del numero dei caratteri disponibili. E di fatti il social motiva il cambiamento, che definirlo epocale non sarebbe sbagliato, facendo riferimento proprio alla difficoltà che gli utenti di alcune lingue hanno nell’esprimere un pensiero in appena 140 caratteri. Al momento le modifiche riguardano solo un numero ristretto di persone, che crescerà sicuramente nei prossimi giorni. Se l’annuncio ha fatto felice molti degli iscritti del microblogging, è anche facile ipotizzare che la frangia più “ortodossa”, attaccata ai 140 caratteri, storcerà un po’ il naso.

Addio ai 140 caratteri

Dunque, Twitter cambia. Gli utenti avranno presto la possibilità di utilizzare il doppio dei caratteri. Il limite imposto ai “cinguettii” è stato l’elemento che ha contraddistinto, fino all’annuncio di queste ore, Twitter, differenziandolo da altri social. Il microblogging, infatti, ha inventato un certo modo di comunicare, o meglio di scrivere, fatto di parole e frasi abbreviate. Un sistema linguistico a cui si sono adattati tutti: politici, radio, televisioni, per fare qualche esempio. La mossa forse potrebbe essere inquadrata anche in un’altra ottica: rilanciare il social, da un po’ di tempo in difficoltà. Qualsiasi sia la ragione, comunque, Twitter è cambiato. Probabilmente per sempre.

Ti raccomandiamo