WhatsApp Fonte foto: Shutterstock
APP

WhatsApp, la pubblicità arriva tra le Storie a gennaio 2019

A partire da gennaio 2019, anche in Italia, arriveranno gli annunci su WhatsApp. Niente pubblicità nelle chat ma solo nella sezione dedicata agli Stati

8 Ottobre 2018 - Anno nuovo vita nuova, con le pubblicità di WhatsApp in aggiunta. La famosa applicazione per la messaggistica istantanea ha infatti fatto sapere che a partire da gennaio 2019 introdurrà gli annunci all’interno del proprio servizio sia su device iOS che Android.

Le pubblicità di WhatsApp, come sottolineato in precedenza, non andranno a minare la nostra esperienza utente all’interno delle chat, sia con un singolo contatto che di gruppo. Almeno in questa fase iniziale, infatti, gli annunci pubblicitari verranno inseriti dagli sviluppatori dell’applicazione solo ed esclusivamente nella sezione dedicata agli Stati. Come accade in Instagram, infatti, le pubblicità saranno inserite a mo’ di mini interruzioni commerciali tra una storia e l’altra, senza andare ad appesantire troppo l’esperienza d’uso dell’utente. Per WhatsApp si tratta di una vera e propria “prima volta”: mai, sinora, la pubblicità era comparsa all’interno della piattaforma di messaggistica creata da Brian Acton e Jan Koum. E non è un caso, molto probabilmente, che entrambi i creatori di WhatsApp abbiano abbandonato il loro ruolo all’interno dell’azienda da alcuni mesi a questa parte.

Facebook inizia a monetizzare dall’acquisto di WhatsApp

Dopo l’acquisto qualche anno fa da parte di Facebook i fondatori di WhatsApp erano riusciti ad ottenere il permesso di non introdurre sull’app per la messaggistica per almeno qualche anno le pubblicità, ora però il social media di Mark Zuckerberg ha deciso che è arrivato il momento di monetizzare con WhatsApp aprendo la piattaforma a inserzionisti e aziende. In Italia è stato lo stesso Country Director di Facebook, Luca Colombo, a dare l’annuncio dell’introduzione anche nel nostro Paese delle pubblicità WhatsApp a partire dall’inizio del 2019.  Colombo ha anche spiegato che gli annunci trovandosi negli Stati e non nelle chat non saranno invasivi, inoltre ha specificato che le pubblicità saranno inerenti alle nostre passioni e ai nostri gusti.

Al momento WhatsApp ha scelto di testare gli annunci negli Stati perché con 450 milioni di utenti che usano la funzione a fronte di oltre un miliardo e mezzo di persone che usano le chat si tratta dell’alternativa perfetta per una prima fase di sperimentazione. Non è da escludere però che questo sia solo un primo passo di WhatsApp verso le aziende. L’introduzione degli annunci arriva dopo la creazione di WhatsApp Business ed è immaginabile che nel prossimo futuro le aziende, dalle multinazionali al negozietto sotto casa, potranno usare la piattaforma per far recapitare un messaggio promozionale anche in chat ai propri clienti. In pratica come già avviene su Facebook con i post personalizzati.

Contenuti sponsorizzati